Indietro

Memar, diciotto posti a rischio

Lavoratrici e sindacati: "Silenzio assordante dell'azienda su questa crisi". L'ultimo incontro a fine dicembre, poi il nulla

AREZZO — Sono 18 i posti di lavoro a rischio alla Memar. Il 30 giugno scadono gli ammortizzatori sociali.

Il grido di allarme è stato lanciato oggi dalle lavoratrici dell'azienda insieme ai sindacalisti Erina Nencetti della Fisascat Cisl e Marco Guerrini Guadagni della Filcams Cgil. 

La Memar è legata a Banca Etruria per quanto riguarda i servizi telematici. Il silenzio sulla crisi dell'azienda va avanti dal 27 dicembre, data dell'ultimo incontro con le istituzioni locali.

Cinque mesi fa i lavoratori erano 22, ora sono 18 e tutti a rischio. I quattro hanno trovato altri impieghi.

I sindacalisti hanno rimarcato il disinteresse dei vertici di Memar che, solo dopo forti sollecitazioni, hanno fissato un incontro per mercoledì 30 maggio.


Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483

Powered by Aperion.it