Indietro

Se il bimbo non è all'asilo parte la chiamata

I genitori saranno chiamati sul telefono cellulare. Tanti: “Un servizio importantissimo che può salvare delle vite”

AREZZO — “Bambini e bambine ‘dimenticati’. È un dramma che nel tempo si è verificato e in alcuni casi ha dato esiti drammatici”. Così l’assessore alle politiche di coesione sociale, familiari e scolastiche Lucia Tanti introduce il servizio Se non lo vedo chiamo che il Comune di Arezzo ha attivato in sintonia con la Regione Toscana.

“In caso di mancata comunicazione, da parte della famiglia, dell’assenza del bambino da scuola – spiega Lucia Tanti – e di coincidente mancanza in aula, i genitori saranno chiamati direttamente al cellulare. È un’iniziativa che giudico importantissima e che carica di ulteriore e delicata responsabilità gli educatori. Che ringrazio molto per la disponibilità mostrata. Ma che potrebbe essere decisiva in circostanze ‘limite’, riportate dalle cronache, che sono purtroppo accadute in Italia. Nelle scuole comunali (gestite direttamente dal Comune, ndr), nidi e dell’infanzia, appena scatta l’orario nel quale tutti i bambini devono essere arrivati, si compirà una verifica e laddove un’eventuale assenza non sia stata comunicata i genitori verranno contattati. Il servizio è già operativo e in questo primo periodo sono stati pochi i casi, comunque registrati da parte degli educatori, in cui i genitori non avevano avvisato che i figli non sarebbero andati a scuola. Si è trattato sempre di semplice dimenticanza. Questo aspetto mi dà lo spunto per un appello alla collaborazione. Chiedo allora ai genitori: avvisate preventivamente - conclude Tanti-  Sarà più facile gestire questo servizio di straordinaria rilevanza”.

Richiedi sito desktop

QUI NEWS srl - Via Enrico Fermi, 6 - 56100 VICOPISANO (Pisa) - tel 348 6559785 - direzione@quinews.net
Numero Iscrizione al R.O.C: 32441 - C.F. e P.Iva: 02305720506
PUBBLICITA' in proprio - tel 348 6559785
Fatturazione Elettronica W7YVJk9

Powered by Aperion.it