Indietro

Etruria, nove assolti e quattro condannati

Tra gli assolti nel processo per truffa quattro dirigenti e cinque dipendenti 'perché il fatto non sussiste' o 'per non aver commesso il fatto'

AREZZO — Sentenza del tribunale di Arezzo al processo di primo grado sul filone per truffa nell'ambito del crac di Banca Etruria: nove assolti e quattro condannati a dieci mesi di reclusione con pena sospesa.

Imputati erano ex dirigenti e funzionari della banca aretina, accusati di aver truffato i risparmiatori non informandoli sui rischi delle obbligazioni subordinate emesse da Bpel e poi azzerate dal decreto Salva banche. 

A essere condannati a 10 mesi ma con pena sospesa quattro direttori di filiale accusati di truffa aggravata, per loro la Procura di Arezzo aveva chiesto un anno e mezzo di reclusione.

Tra gli assolti perché il fatto non sussiste o per non aver commesso il fatto gli ex dirigenti di Etruria Luca Scassellati, Federico Baiocchi Silvestri, Samuele Fedeli e Luigi Fantacchiotti, accusati di istigazione alla truffa, per i quali il pubblico ministero Julia Maggiore aveva chiesto condanne tra 3 anni e 2 anni e mezzo. Assolti anche cinque dipendenti con la stessa formula dei quattro dirigenti.

Richiedi sito desktop

QUI NEWS srl - Via Enrico Fermi, 6 - 56100 VICOPISANO (Pisa) - tel 348 6920691 - direzione@quinews.net
Numero Iscrizione al R.O.C: 32441 - C.F. e P.Iva: 02305720506
PUBBLICITA' in proprio - tel 348 6920691
Fatturazione Elettronica W7YVJk9

Powered by Aperion.it