Indietro

Shottini ai minorenni, chiuso un bar

Sigilli in un locale del centro storico, l'operazione della polizia municipale si è svolta nella notte tra sabato e domenica

AREZZO — Immobile sottoposto a sequestro preventivo di polizia giudiziaria. Saracinesca abbassata per un locale del centro storico di Arezzo, posto sotto sequestro nella notte tra sabato e domenica per somministrazione di bevande alcoliche a minori di sedici anni. Il provvedimento è stata la conseguenza di un'operazione della municipale che da giorni monitorava l’attività del locale di via Oberdan.

L’attività investigativa è iniziata qualche giorno prima a seguito di un controllo in zona sollecitato da un residente il quale si era rivolto alla polizia locale lamentando musica ad alto volume e somministrazione di bevande alcoliche a minorenni all’interno dell’esercizio gestito da un bengalese, poi risultato in possesso di regolare permesso di soggiorno. 

"All’arrivo degli agenti - hanno spiegato dalla municipale - identificati dall’autovettura di servizio con insegne e barra accesa, gli stessi notavano un evidente movimento intorno al bar e a seguire la precipitosa uscita dal locale di alcune decine di giovani e giovanissimi. Da parte degli agenti era seguito il controllo del locale e l’identificazione del titolare. Sorpreso in un maldestro tentativo di ripulire il bancone da circa un centinaio di bicchierini, utilizzati per servire i cosiddetti “shottini”, bevanda superalcolica, nonché da numerose bottiglie di birra posizionate anch’esse alcune sul bancone, il bengalese è stato richiamato dagli agenti che gli hanno intimato di effettuare controlli sui giovani avventori, ricordando che è reato somministrare bevande alcoliche a persone di età inferiore a sedici anni, mentre è sanzionabile amministrativamente la somministrazione di bevande alcoliche e superalcoliche a soggetti di età inferiore ai diciotto anni".

"Non è bastato, perché qualche giorno più tardi, presso il Comando della PM è stato depositato un esposto a firma di numerosi cittadini nel quale si denunciava il disagio pomeridiano e notturno vissuto dagli stessi residenti a causa del degrado e degli schiamazzi intorno proprio al Bar Asian causato dai tanti giovanissimi che lì continuavano a rifornirsi di alcolici. E’ quindi scattata un’operazione attentamente studiata, che ha coinvolto numerosi agenti, posti a verifica dell’attività svolta dal bar durante le ore serali. Un’attività di indagine, accurata e puntuale, che ha portato alla identificazione di alcuni minori di età compresa tra i sedici e i diciotto anni, i quali hanno ammesso di essere stati serviti senza alcun accertamento dell’età, in violazione dell’articolo 14-ter della legge 125/2001, che prevede una sanzione amministrativa pecuniaria. Tra loro, identificati anche due minori di sedici anni, i quali confermavano di aver consumato superalcolici all’interno del pubblico esercizio, anche per loro senza che il gestore avesse chiesto il documento d’identità, né tantomeno richiesto l’età. E qui, scatta il reato. In considerazione del reiterato e provato comportamento tenuto dal gestore consistente nella somministrazione di bevande alcoliche e superalcoliche a minori di sedici anni e a minori di età compresa fra i sedici ed i diciotto anni, la PM ha quindi proceduto al sequestro preventivo del pubblico esercizio. Un’azione importante, questa della Polizia Municipale, che non si limita alle attività di controllo e tutela della sicurezza, ma che riporta l’attenzione su un fenomeno preoccupante che è quello dell’abuso di alcol tra i giovani e i giovanissimi, una vera e propria emergenza sociale all’attenzione dell’Amministrazione, ma il cui contrasto richiede la collaborazione di tutte le Autorità".

“Un’operazione, quella che ha visto protagonista la Polizia Municipale, che nel mondo normale apparirebbe scontata. In realtà, oggi, ci vuole coraggio per chiudere un esercizio commerciale”, ha commentato il sindaco Alessandro Ghinelli. “E’ vero che il recupero delle città, del degrado, dei cattivi comportamenti, non si ottiene con la repressione ma con il coinvolgimento o altro tipo di azione educativa, ma si tratta di una impostazione di lungo periodo. Nell’immediato, per frenare e combattere fenomeni di questo tipo, particolarmente pericolosi proprio perché coinvolgono i più giovani rischiando di comprometterne il futuro, non si può che agire attraverso la repressione. Gli esercenti devono capire che somministrare alcolici a minori è un reato, perseguibile e punibile severamente. Sono pienamente convinto di questo, e fino a quando gli aretini mi daranno fiducia, questa sarà la politica di questa Amministrazione. Doveroso il ringraziamento alla nostra Polizia Municipale per l’azione svolta e per l’impegno che profonde quotidianamente per la tutela di tutta la nostra collettività e, nel caso di specie, per la salute dei nostri ragazzi”.

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483

Powered by Aperion.it